Articolo

Denominazione vs Terroir

Recentemente sono stato coinvolto in una discussione nella blogosfera sul terroir, che penso sia in gran parte priva di significato. Alcuni punti che ho indicato in una stringa di e-mail sono stati inviati in giro, e sai come va: molto presto le persone mi hanno masticato senza avere l'intera enchilada. Quindi ecco un semplice riassunto per chiunque stia seguendo la discussione. La denominazione e il terroir sono correlati in un modo: i viticoltori possono utilizzare entrambi i concetti per descrivere (e quindi vendere) il loro vino. Altrimenti, sono fondamentalmente diversi. Il terroir è astratto, indefinibile (anche i francesi amano dirlo) e personale. Chiunque può dirti qualsiasi cosa sul loro terroir e dovresti fare un po 'di ricerca empirica diretta prima di poter anche solo sapere cosa significano, tanto meno crederci. Il terroir è un concetto umano, il che significa che è intrinsecamente malleabile e filabile. Negli Stati Uniti, il termine 'terroir' è, a mio modesto parere, un vuoto cliché. Le persone lanciano il termine senza capirlo, soprattutto perché sentono altre persone lanciarlo in giro. Siamo un branco di terroiristi.Mooooooooo.L'appellativo è geograficamente concreto, legalmente definito, determinato collettivamente e molto difficile da modificare una volta impostato. Insieme al varietale e al produttore, la denominazione è l'unico fatto difficile a cui le persone chiedono sempre quando incontrano un vino nuovo: 'da dove viene?' Se il vino nuovo è Pinot Noir e la sua origine è una denominazione come Russian River o Willamette Valley, possiamo sentirci abbastanza fiduciosi sul vino. Se l'appellativo è 'California', tuttavia, potremmo chiederci. Non puoi fingere un Pinot Nero del fiume russo. O lo è o non lo è. Quindi questo è un modo per distinguere terroir e denominazione: uno spin e uno di fatto. Ecco un altro test: cosa impari quando le persone usano i termini? Diciamo che incontriamo qualcuno a una festa e ci dice che il suo nuovo Cabernet proviene da un 'terroir' con terreni ben drenati, pendii esposti a sud e poca pioggia fuori dall'inverno. Cosa abbiamo imparato da questo? Quasi niente sul vino, o su di lui. Il vino potrebbe provenire dagli altipiani dell'Arizona meridionale. Potrebbe essere uno stravagante sognatore su due acri nel Tennessee o un capo azienda con 500 acri a Paso Robles. Dirà che il suo vino “riflette il suo terroir” o che “il terroir è l'ideale per il Cabernet” perché ogni sito web lo dice di ogni vino. Tradotto, significa che tutto il terroir è l'ideale per qualunque cosa vi stia crescendo, perché lo dicono le persone che vi crescono. Ma se tutto il terroir è ideale, sempre, ovunque, allora che cos'è oltre al puro clamore? Ora immaginiamo di incontrare qualcuno che dice che il loro nuovo Cabernet proviene dalla Napa Valley. A meno che non sia un furbonegoziatore, sappiamo immediatamente molte cose sia del vino che del viticoltore: il suo livello di ricchezza, le sue aspirazioni vinose, il probabile peso e stile del suo vino, quanto probabilmente costa e perché ha un prezzo così. C'è un numero limitato di posti in cui potrebbe coltivare frutta o acquistarla. C'è una fascia di qualità stretta e sempre più ristretta in cui il suo vino deve adattarsi per tutta una serie di ragioni. Potremmo indovinare chi conosce questa persona, dove mangia e come socializza. Il terroir è ciò che i viticoltori vogliono che gli altri pensino di loro e del loro vino. L'appellativo è ciò che è vero per loro e per il loro vino, non importa quello che dicono. Cosa vuoi nel tuo bicchiere?- Thom Elkjer Controlla la mia regolare copertura del vino su www.winecountry.com .

Raccomandato