Blog

Vino di Borgogna: regioni, migliori vini, prezzi (2021)

Desideri saperne di più sul vino di Borgogna e acquistare le migliori bottiglie per la tua collezione?

La Borgogna rappresenta il meglio del vino sofisticato e influenzato dal terroir. La longevità del vino della Borgogna, il suo fascino per i sensi e la capacità di comandare prezzi astronomici lo hanno reso uno dei preferiti tra i bevitori di vino e gli investitori.

Perché i Borgogna sono considerati un punto di riferimento per l'eccellenza? Quali sono i diversi stili e gusti di vino?

In questo articolo, esploriamo la regione vinicola della Borgogna, le uve coltivate, gli stili di vino, i profili di sapore e gli abbinamenti alimentari. Vedremo ancheinvestire nel vino di Borgognae una selezione dile migliori bottiglie che dovresti comprare.



Ulteriore lettura

Scopri cosa rende il vino un ottimo investimento - Dai un'occhiata Guida definitiva sull'investimento in vini pregiati Inoltre, scopri di più Vini Rossi molto apprezzati e Vini Bianchi deliziosi e raffinati per la tua cantina.

Sommario

(Fare clic su un collegamento di seguito per passare a una sezione specifica)

  • Una breve introduzione al vino di Borgogna
  • Una rapida storia del vino della Borgogna
  • Uve Borgogna: Pinot Nero e Chardonnay
  • La regione vinicola della Borgogna: terroir, stili di vino e profili aromatici
  • Classificazioni dei vini di Borgogna
  • Abbinamento gastronomico con vino di Borgogna
  • Investire nel vino di Borgogna
  • Squisiti Burgundi da collezionare nel 2021 (include gusto, prezzi)
  1. Domaine Leroy Musigny Grand Cru 2015
  2. Domaine de la Romanee-Conti Romanee-Conti Grand Cru 2015
  3. Domaine Leflaive Montrachet Grand Cru 2015
  4. Domaine Leroy Chambertin Grand Cru 2015
  5. Domaine Georges & Christophe Roumier Musigny Grand Cru 2016
  6. Henri Jayer Echezeaux Grand Cru 1997
  7. Domaine Armand Rousseau Pere et Fils Chambertin Clos de Beze Grand Cru 2016
  8. Car-Dury Corton-Charlemagne Grand Cru 2014
  9. Domaine Dujac Chambertin Grand Cru 2015

Una breve introduzione al vino di Borgogna

Una breve introduzione al vino di Borgogna

Il vino di Borgogna proviene dalle pendici e dalle valli della Borgogna (o Borgogna) nella Francia orientale. La regione si trova a nord di Lione e a sud di Parigi.

Produce diversi stili di vino, ma il termine 'Borgogna' si riferisce al Pinot Nero secco vino rosso e il vino bianco a base di Chardonnay.


I vini della Borgogna sono venerati quanto quelli di Bordeaux nel sud-ovest della Francia. Ma ciò che è interessante è che la Borgogna ha solo circa 25.000 ettari vitati mentre Bordeaux ne ha oltre 120.000.

E la regione comprende alcuni dei più piccoli appezzamenti di vigneti del mondo!


Cosa rende speciale il vino della Borgogna?

I vini della Borgogna sono più influenzati dal terroir di qualsiasi altra regione vinicola del mondo. L'area, che milioni di anni fa era il fondale marino di un mare tropicale, è stratificata con diversi tipi di calcare.

I terreni esposti più vecchi si trovano a Maconnais e i più giovani a Chablis. Questi terreni, oltre all'influenza dell'esposizione al sole, delle piogge e del drenaggio, conferiscono caratteristiche uniche e diverse ai vini della Borgogna.

Una rapida storia del vino della Borgogna

Una rapida storia del vino della Borgogna

Le radici dei vini della Borgogna possono essere fatte risalire all'impero romano. Ecco uno sguardo agli eventi significativi che hanno plasmato la regione e i vini per quello che è oggi.


  • La vinificazione esisteva due millenni fa: la vinificazione nella regione della Borgogna esisteva anche prima dell'arrivo dei romani, grazie al commercio tra la Gallia e l'Italia. Nel 52 a.C., i romani conquistarono la regione, apportando maggiori competenze nella coltivazione della vite e nella vinificazione.
  • Gli ordini monastici: Intorno al I secolo d.C., la terra della Borgogna fu occupata dagli Ordini Cistercensi e Cluniacensi. I monaci stabilirono l'idea di terroir, delimitando il vigneto nello specificoclimi.

(Un “clima” è un appezzamento delimitato di viti con specifiche caratteristiche geologiche, di esposizione e idrometriche. Il vino che ne risulta esprime la personalità deltempo metereologico.)

  • I duchi di Borgogna: nel XIV secolo molti vigneti appartenevano ai duchi di Borgogna.

I duchi bandirono l'abbondante uva Gamay, promuovendo il Pinot Nero, che produceva vini molto più complessi. Nonostante il divieto, alcuni viticoltori hanno continuato a coltivare il Gamay, che è diventato un vino popolare di tutti i giorni.

  • Regalità e rivoluzione: nel XVII secolo i monasteri vendettero i loro vigneti alla classe dirigente. Il XVIII secolo vide l'emergere delle case négociant, che acquistavano vino di Borgogna dai coltivatori e lo facevano invecchiare nelle loro cantine prima della rivendita.

Poi è arrivata la rivoluzione francese. I vigneti sono stati sequestrati e suddivisi in appezzamenti più piccoli, ridefinendo il paesaggio viticolo.

  • La fama dei nostri giorni: la prima guerra mondiale segnò un rallentamento nel successo del vino di Borgogna. Ma l'interesse riprese subito dopo la seconda guerra mondiale.
  • Oggi, un produttore di vino può vendere vino della Borgogna attraverso cooperative, case négociant e imbottigliamenti domaine, e queste bottiglie sono disponibili in quasi 180 paesi.

Uve Borgogna: Pinot Nero e Chardonnay

Uve Borgogna: Pinot Nero e Chardonnay

Il clima più fresco della Borgogna consente all'uva Pinot Nero e Chardonnay di maturare lentamente, creando sfumature eleganti in un vino che tipicamente non è molto corposo.

Il 51% dei vigneti in Borgogna coltiva lo Chardonnay e il 40% è piantato con l'uva Pinot Nero. Aligote rappresenta il 6%, Gamay 2,5% e il resto è preso da altri vitigni come Sauvignon Blanc e César.

È interessante notare che il Pinot Nero e lo Chardonnay Burgundi non vengono mai miscelati (a differenza di alcune parti del mondo dove vengono miscelati per produrre vini spumanti). Quindi, il profilo gustativo dipende fortemente dalle prestazioni dell'annata - con alcuni anni straordinari e altri meno.

Leggi anche: Scoprire deliziosi vini Moscato ottenuto dall'antico vitigno Moscato.

La regione vinicola della Borgogna: terroir, stili di vino e profili aromatici

La regione vinicola della Borgogna: terroir, stili di vino e profili aromatici

Un singolo vigneto della Borgogna può avere decine di proprietari individuali, ognuno dei quali produce un vino dalle sfumature diverse. Il vino prodotto è tanto influenzato dalla filosofia di vinificazione di ogni produttore quanto lo è dal terroir!

La Borgogna è divisa in cinque sottoregioni.



1. Chablis

Calcare Kimmeridgian

Questa zona è geograficamente separata dal resto della Borgogna e si trova più vicino alla Champagne.

È noto per il suo vino bianco Chardonnay magro. (Non c'è Chablis rosso). La maggior parte dello Chardonnay non è cotto e si chiama semplicemente 'Chablis', non ' Borgogna bianca . '

IlKimmeridgianil calcare qui è bianco, gessoso, che riflette bene il calore del sole. Questo aiuta l'uva Chardonnay a maturare, producendo un vino fresco e puro.



2. Costa delle notti

Costa delle notti

La Côte de Nuits si trova appena a sud di Digione. Ospita 24 vigneti Grand Cru che occupano i versanti orientali, a partire dal Gevrey-Chambertin settentrionale fino a Vosne Romanee nel sud.

Questa zona è famosa per il suo millenario Pinot Nero, che occupa l'80% della sua produzione, con il resto dedicato alle uve Chardonnay.

I vini rossi espressivi di questa regione mostrano note classiche della Borgogna di ribes nero, ciliegia e spezie. Alcuni dei vini bianchi delle denominazioni Premier Cru come Vougeot sono anche altamente collezionabili.



3. Côte de Beaune

La Cote de Beaune è famosa per il suo Chardonnay

Se la Cote de Nuit è popolare per il Pinot Nero, allora la Cote de Beaune è venerata per la sua ricca Chardonnay .

Le valli aperte e ondulate della Cote de Beaune sono esposte a sud-est, producendo bianchi di Borgogna meravigliosamente espressivi pieni di mazzi di fiori bianchi morbidi, mela fresca e pera.

Sette degli otto vigneti Grand Cru qui (inclusi Corton-Charlemagne, Corton e Montrachet) producono un vino bianco incredibile. Altrettanto amati sono i vini Premier Cru di Meursault e Puligny-Montrachet.

Non trascurare il fantastico vini rossi anche, che offrono sapori di prugna e ciliegia con mineralità terrosa.

Nota: La Côte de Nuits e la Côte de Beaune sono conosciute insieme come Côte d'Or e sono storicamente le regioni vinicole più importanti della Borgogna. Tutti i Burgundy Grand Cru si trovano in Côte d'Or, ad eccezione del vigneto Chablis Grand Cru.



4. Côte Chalonnaise

Costa di Chalonnaise

La Côte Chalonnaise è nota per l'ottimo Pinot Nero e lo Chardonnay liscio, proveniente da villaggi come Mercurey, Montagny e Givry.

Alcune denominazioni divergono dai soliti Pinot Nero e Chardonnay. Bouzeron, ad esempio, è l'unica denominazione della Borgogna dedicata all'uva Aligote, producendo un vino floreale con note di miele, agrumi e pietra focaia.

Rully è il centro per il vibrante vino bianco e rosa spumante - Crémant de Bourgogne.



5. Mâconnais

Mâconnais

Questa è la regione più grande e più meridionale della Borgogna ed è nota per lo Chardonnay facile da bere e dall'ottimo rapporto qualità-prezzo.

Il clima più caldo del sud consente una vendemmia anticipata, mostrando la sua influenza nel vino con note di mela morbida, ananas, caprifoglio e scorza di agrumi. La denominazione più famosa è Pouilly-Fuissé , con i suoi bei vigneti aperti e suoli di calcare e granito.

E troverai il famoso Beaujolais regione appena sopra le colline più a sud. Il Beaujolais fa tecnicamente parte della Borgogna ma è considerata una regione vinicola diversa.

Leggi anche: Scopri il migliori bicchieri di vino per sorseggiare la tua Borgogna!

Come Bordeaux, la regione della Borgogna ha le sue classificazioni di vini, ma non sono la stessa cosa.

Classificazioni dei vini di Borgogna

La Borgogna è circa un quinto delle dimensioni di Bordeaux, ma ha più AOC (Appellation d'Origine Controlee) di qualsiasi altra regione vinicola francese.

Essendo la regione più orientata al terroir in Francia, le classificazioni dei vini della Borgogna sono focalizzate geograficamente, a differenza delle classificazioni dei vini di Bordeaux, che vengono assegnate ai singoli castelli.

Le classificazioni sono date a un vigneto specifico o regione , indipendentemente dal produttore. Sono divisi in quattro livelli di qualità e coprono tutta la Borgogna tranne Chablis. Chablis ha una sua classificazione.



1. Grand Cru

33 vigneti Grand Cru

In cima alla lista ci sono i 33 vigneti Grand Cru come Romanee-Conti, Clos de Vougeot e Chambertin.

Questo prestigioso gruppo rappresenta poco meno del 2% della produzione della Borgogna, ma è da qui che provengono i vini più complessi e degni di una cantina.



2. Premier Cru

Il vigneto Premier Cru viene dopo i Grand Cru

Il vigneto Premier Cru viene dopo i Grand Cru. Questi appezzamenti di vigneto classificati (climi) producono vini eccezionali che sanno cantare bene anche nelle migliori annate.

Ci sono 640 climi in Borgogna, che rappresentano il 10% della produzione della regione. Alcuni esempi famosi sono Volnay Premier Cru, Chablis Premier Cru o Santenots.

A volte, i vini prodotti da viti più giovani in un vigneto Grand Cru vengono venduti come vino Premier Cru a un prezzo inferiore. Questo può essere fatto per produrre un vino Grand Cru da vitigni più maturi, per migliorarne la qualità e il prestigio.



3. Vini del villaggio

Vini del villaggio

Al terzo livello ci sono i vini Village, che assorbono il 37% della produzione della Borgogna. Si tratta di vini di un comune dalle caratteristiche uniche. Non tutti i comuni della Borgogna hanno una denominazione di villaggio.

Le 44 denominazioni dei villaggi della Borgogna includono Pommard, Mâcon Villages e Nuits-St-Georges. Puoi trovare un vino del villaggio dei migliori produttori a prezzi inferiori, come Joseph Drouhin Côte de Nuits-Villages.



4. Vini regionali

Vini regionali

I vini regionali assorbono il restante 51% della produzione della Borgogna e sono ottenuti da uve coltivate ovunque in Borgogna. Ciò include la denominazione Bourgogne Rouge per il vino rosso, Bourgogne Blanc per vino bianco , con Crémant de Bourgogne AOC che copre il vini spumanti .



Sistema di classificazione Chablis

Anche la classificazione dei vini Chablis ha quattro livelli, dall'alto verso il basso:

  • Grand Cru Chablis: Un Grand Cru con sette climi come Les Clos e Valmur. Questi vini Chardonnay sono rovinati e possono invecchiare molto bene.
  • Premier Cru Chablis: Questi vini sfumati ed eleganti provengono da vigneti di marna calcarea, con nomi climatici come Mont de Milieu o Fourchaume.
  • Chablis: Questi vini di terza fascia sono più rotondi con un carattere minerale.
  • Petit Chablis: Il quarto livello copre i vini da uve coltivate intorno al villaggio. Sono agrumati con elevata acidità e si bevono bene giovani.

Successivamente, diamo un'occhiata al cibo giusto per completare la buona Borgogna.

Abbinamento gastronomico con vino di Borgogna

Abbinamento gastronomico con vino di Borgogna

Ecco una guida approssimativa per abbinare i vini della Borgogna ai piatti giusti:

Incontrogiovane rosso Borgognacon:

  • Formaggi delicati come il brie o il formaggio di capra
  • Tonno scottato
  • Pollo in salsa cremosa alla senape.
  • Carré di agnello alle erbe
  • Risotto ai funghi

Rosso Borgogna invecchiato o più pesantepuò andare con:

  • Tutti i tipi di carne, come il boeuf bourguignon e il coq au vin riccamente conditi
  • Pernice, fagiano o pernice arrosto
  • Faraona e oca

Borgogna biancasi abbina bene con:

  • Pollo arrosto al burro
  • Pesce cotto nel burro
  • Capesante scottate
  • Polpa di granchio al forno con formaggio

Per saperne di più: Scopri quanti le calorie sono in quel bicchiere di rosso Borgogna .

Ora vediamo perché il vino della Borgogna è un ottimo investimento a lungo termine.

Investire nel vino di Borgogna

Investire nel vino di Borgogna

La Borgogna produce alcuni dei vini più costosi del mondo, con il suo vino più costoso che costa ben oltre $ 10.000 rispetto al più costoso Bordeaux a circa $ 4.500.

La scarsità e l'invecchiamento sono due dei fattori che aumentano il valore del vino di Borgogna.

Molti domini principali producono solo poche centinaia di casi all'anno. E, il bel rosso Borgogna può invecchiare fino a mezzo secolo, a volte di più. Il bianco della Borgogna non dovrebbe essere scontato, con alcune delle migliori annate in grado di invecchiare per due o tre decenni.

La maggior parte dei vini della Borgogna da investimento proviene da Cote d'Or Grand Crus come Romanee-Conti, Richebourg o Musigny. Anche i prezzi aumentano man mano che i vini si avvicinano alla finestra.

Anche gli iconici vini Grand Cru ottengono prezzi sbalorditivi nelle aste, come il Domaine de la Romanee-Conti Romanee-Conti del 1945, venduto per $ 558.000 in un'asta di Sotheby's del 2018.

Leggi anche: Scopri tutto su invecchiare il tuo vino perfettamente in questa guida informativa.

Raccomandato