Blog

Chablis Wine: Vinificazione, Migliori Vini, Prezzi (2021)

Vuoi saperne di più su Chablis e sui migliori vini di questa regione vinicola?

Chablis (pronunciato 'Shah-Blee') è una regione vinicola storica situata vicino alla Côte d'Or in Francia. Il delizioso vino bianco secco prodotto a Chablis è noto per la sua acidità frizzante e mineralità ed è salutato come uno degli Chardonnay più caratteristici al mondo!

Ma cosa rende Chablis così speciale? Quali sono le differenze tra le denominazioni Chablis? Che sapore ha il vino e quali sono i migliori da acquistare?

Esploriamo tutto su Chablis, a partire dalla storia della regione vinicola, le sue denominazioni, le tecniche di vinificazione e altro ancora.

Per farti sorseggiare il tuo bicchiere di Chablis, abbiamo anche suggeritootto dei migliori vini Chablisinvestire nel 2021 ecome investire in loro!



Ulteriore lettura

Ottieni tutte le risposte alle tue domande sugli investimenti nel vino in questo in questa guida perspicace .

In questo articolo scoprirai:

  • Cosa rende speciale Chablis?
  • Il gusto e le caratteristiche di Chablis
  • Abbinamenti popolari di Chablis
  • I migliori vini Chablis che puoi acquistare nel 2021 (inclusi gusto, prezzi)
  1. 1989 Rene e Vincent Dauvissat-Camus Les Clos
  2. 2014 Domaine Francois Raveneau Les Clos
  3. 2017 Domaine Francois Raveneau Les Clos
  4. 2010 Domaine Francois Raveneau Valmur
  5. 2004 Domaine Francois Raveneau Montee de Tonnerre
  6. 1995 Domaine Francois Raveneau Montee de Tonnerre
  7. 1988 Domaine Francois Raveneau Chapelot
  8. 2017 Domaine Francois Raveneau Blanchot
  • Il vino Chablis invecchia bene?
  • L'espressione più 'pura' dello Chardonnay

Cominciamo con questo affascinante vino francese.

Cosa rende speciale Chablis?

Il vino Chablis è prodotto interamente da uve Chardonnay. Nessun'altra uva può essere coltivatai quattro AOC di Chablis(Denominazione di Origine Controllata).


Inoltre, a differenza di altri vini Chardonnay, il vino bianco Chablis lo è raramente oaked .

Cominciamo con la storia del vino Chablis.


Ecco cosa tratteremo:

  • Una breve storia della regione vinicola di Chablis
  • Gerarchia delle denominazioni di Chablis
  • Petit Chablis
  • Chablis
  • Chablis Premier Cru
  • Chablis Grand Cru
  • Viticoltura a Chablis
  • Com'è il terroir di Chablis?
  • Tecniche di vinificazione di Chablis


Una breve storia della regione vinicola di Chablis

Breve storia della regione vinicola di Chablis

La storia di Chablis è iniziata nel Medioevo con i monaci cisteriani.

Lo Chardonnay è stato piantato a Chablis nel XII secolo e da lì si è diffuso a sud nella regione della Borgogna.

La regione aveva un facile accesso al fiume Yonne, che ha permesso ai produttori di Chablis di trasportare vino a Parigi e capitalizzare sul mercato lì.


Nel 19 ° secolo, c'erano 40.000 ettari di vigneti di Chablis e alcuni produttori di Champagne iniziarono a utilizzare Chablis come base per la loro spumante Cuvée.

Successivamente, i coltivatori di Chablis hanno dovuto affrontare diversi problemi, inclusi i vigneti colpiti da oidio e fillossera. Negli anni '50 sopravvissero solo 500 ettari delle vecchie vigne.

Durante il 20 ° secolo, i produttori di vino hanno apportato molti progressi tecnologici e hanno avuto un rinnovato impegno per la produzione di qualità.

L'Institut National des Appellations d'Origine ha creato la regione Appellation d'origine contrôlée (AOC) per Chablis nel 1938. L'istituzione AOC è stata creata per proteggere il nome 'Chablis' poiché era utilizzato da molti altri vini non Chablis .

Leggi anche:

Ecco un articolo approfondito sul Top Champagne per investire nel 2021 . Ricordati di servitelo nel bicchiere di Champagne giusto !

Nel frattempo, serviti un vibrante Mimosa o a Sangria ripiena di frutta !

Diamo uno sguardo più da vicino alle denominazioni Chablis e alle loro differenze.




Gerarchia delle denominazioni di Chablis

Gerarchia delle denominazioni di Chablis

Proprio come tutte le altre regioni della Borgogna, Chablis ha una gerarchia di denominazioni. Queste denominazioni sono riportate su ogni etichetta del vino.

Ecco le quattro denominazioni di Chablis:

  1. Petit Chablis

Nel 1944 fu creata la denominazione Petit Chablis per coprire i climi più bassi (vigneti). Questi vigneti sono situati in un altopiano sopra i siti premier cru e grand cru e non beneficiano degli stessi vantaggi climatici e geologici di cui godono le altre denominazioni.

  1. Chablis

La denominazione Chablis è stata creata nel 1938 ed è la più prolifica e la più grande delle quattro denominazioni. Per essere un 'vero Chablis' il vino deve essere un vino bianco secco prodotto in un'area specifica vicino alla città di Chablis. Anche questi vini devono essere al 100% Chardonnay.

  1. Chablis Premier Cru

La denominazione Chablis Premier Cru è più una suddivisione della denominazione Chablis. 40 siti di vigneti sono considerati degni della denominazione Premier Cru. Questi vigneti Premier Cru vengono poi suddivisi in 80 vigneti più piccoli.

Alcuni famosi climi Premier Cru Chablis includono Fourchaume, Vau de Vey, Côte de Léchet, Vaillons, Montmains e Mont de Milieu.

I vini Premier Cru sono prodotti secondo standard di controllo di qualità e sono di qualità inferiore rispetto alle denominazioni Chablis Grand Cru.

  1. Chablis Grand Cru

Questa denominazione produce lo Chardonnay di altissima qualità a Chablis. I vini che riportano la denominazione Chablis Grand Cru sono prodotti in vigneti che si estendono su una superficie di 100 ettari. I Grand Cru Chablis sono prodotti secondo rigide normative e rispondono bene all'imbottigliamento a lungo termine.

Ci sono sette vigneti Chablis Grand Cru lungo il fiume Serein: Blanchot, Bougros, Grenouilles, Les Clos, Vaudesir, Valmur e Les Preuses.

Leggi anche: Ecco un'utile guida al Il miglior vino Malbec da acquistare nel 2021 .

Controlla anche il migliori vini Barbera , il le più deliziose bottiglie di Châteauneuf du Pape , e entusiasmanti Zinfandel .



Viticoltura a Chablis

Viticoltura a Chablis

Un grave problema che deve affrontare qualsiasi coltivatore di Chablis è brina . Ad esempio, l'annata 1957 è stata influenzata così duramente che sono state prodotte solo 132 bottiglie di vino Chablis.

Per proteggere le viti dal gelo, negli anni '60 è stata introdotta la pratica dell'utilizzo di vasi a sbavatura e dell'irrigazione per aspersione. I vasi sfumati forniscono calore diretto alla vite, mentre l'irrigazione per aspersione prevede l'irrorazione della vite con acqua.

Quando si tratta di raccogliere le uve Chardonnay, i gestori dei vigneti cru devono seguire le normative AOC per ilminimolivelli di alcol e sono:

  • Vigneti AOC Chablis: 9,5% vol
  • Vigneto Premier Cru: 10,5% vol
  • Vigneto Grand Cru: 11% vol

L'80% dei vigneti nella regione di Chablis utilizza la raccolta meccanica. Tuttavia, i produttori di Grand Cru raccolgono manualmente le uve per assicurarsi che l'uva Chardonnay sia completamente matura.

Per saperne di più: Non perdere l'occasione di provarli sensuali vini rosati selezionati a mano da tutto il mondo.

Com'è il terroir di Chablis?

Com

L'effetto che il terroir ha sul vino può essere visto chiaramente in Chablis, più di ogni altro vino!

Il vitigno Chardonnay trae le sue caratteristiche da un sottosuolo che risale all'età giurassica (oltre 150 milioni di anni)!

Lo Chablis viene coltivato in due tipi di terreno:

  • Il Grand Cru e il Premier Cru hanno suolo Kimmeridgiano. Questo terreno è ricco di argilla ricca di minerali. Contiene fossili marini responsabili del contenuto di calce. Questo terreno calcareo è la ragione della mineralità del marchio in questi cru.
  • La denominazione Petit Chablis ha suoli Portlandiani. I terreni Portlandiani sono diversi dal suolo Kimmeridgiano. Hanno una minore concentrazione di calce e argilla, che si traduce in un vino più fruttato e una minore mineralità.

Ora, le caratteristiche dello Chablis devono le sue origini tanto al vinoprocesso di vinificazionecome dal suo terroir. Vediamo come va.

Leggi anche: Per i migliori vini bianchi controlla questi deliziosi Sauvignon Blanc e eleganti Riesling .



Tecniche di vinificazione di Chablis

Tecniche di vinificazione di Chablis

Il 20 ° secolo ha visto molti progressi nella vinificazione di Chablis.

In particolare, i produttori di Chablis hanno introdotto la fermentazione a temperatura controllata e la fermentazione malolattica. La fermentazione malolattica è ciò che riduce l'acidità del vino e la stabilizza.

Il vino è pronto per l'affinamento dopo la fermentazione delle uve e la fermentazione malolattica.

All'inizio, per invecchiare Chablis si usavano vecchie botti di legno. Questa pratica deriva da quando le botti vuote di Chablis venivano restituite da Parigi per essere ricaricate.

Oggi, a seconda della qualità del raccolto, i produttori di vino potrebbero utilizzare tini di acciaio inossidabile o botti di rovere per invecchiare il vino Chablis, sebbene quest'ultimo sia raro.

I produttori Premier e Grand Cru a volte cercano la quercia, mentre Chablis e Petit Chablis sono raramente querce (a differenza di altri vini Chardonnay).

In effetti, la popolarità di Chablis è ciò che ha reso lo stile dei vini 'unoaked Chardonnay' così popolare in tutto il mondo!

Per saperne di più: I migliori vini italiani? Chianti wine è un'ottima scelta!

Allora, cosa ci si può aspettare in termini di sapore da una bottiglia di vino Chablis?

Il gusto e le caratteristiche di Chablis

Gusto E Caratteristiche Di Chablis

Anche se Chablis è 100% Chardonnay, mostra raramente sapori burrosi, che lo Chardonnay ottiene dall'invecchiamento in rovere.

I vini Chablis hanno tipicamente aromi di agrumi e frutti di fiori bianchi e sapori di pera, agrumi, mineralità e salinità.

È più secco e fresco rispetto agli altri bianchi prodotti in Borgogna.

Una buona bottiglia di vino Chablis ti lascia con un finale lungo e frizzante con un'elevata acidità e una mineralità simile alla pietra focaia.

E come servi il vino Chablis?

I vini Chablis sono serviti al meglio a 42-50 oF (5-10 oC) e possono essere conservati fino a sei anni nelle giuste condizioni. Alcuni vini Chablis di alto livello possono invecchiare per 10 anni o più.

Raccomandato