Blog

Vino Chardonnay (Stile, Gusto, Migliori vini da acquistare nel 2021)

Vuoi sapere tutto sul vino Chardonnay e acquista alcune bottiglie di questo famoso vino bianco per il tuo cantina ?

L'uva Chardonnay è molto amata dai vignaioli in quanto è facile da coltivare, ha una natura complessa ed è altamente adattabile. Alcuni lo hanno addirittura soprannominato il “vino rosso di tutti i bianchi” perché subisce un processo di fermentazione simile ai vini rossi!

Ma cosa rende veramente diverso il vino Chardonnay dagli altri vini bianchi? Perché questo vino è così versatile e popolare? Quali sono i vini Chardonnay che valgono conservare nella tua cantina ?

In questo articolo, ti guideremo attraverso tutto ciò che devi sapere sul vino Chardonnay: dalla viticoltura, alla vinificazione, come dovrebbe essere servito e alcuni sorprendenti abbinamenti gastronomici per accompagnarlo.

Ti forniremo anche un elenco dei filei migliori vini Chardonnay da provare, e ilmodo più intelligente di acquistareuno Chardonnay o vini simili Dom Perignon o a Beaujolais Nouveau !



Ulteriore lettura

Vuoi invece saperne di più sui vini rossi? questo articolo dettagliato prima di immergerti più a fondo nel mondo dello Chardonnay! Esplora anche Vini francesi

Questo articolo contiene

(Fare clic di seguito e passare direttamente alla sezione)

  • Cos'è lo Chardonnay?
  • Una breve storia dello Chardonnay
  • 7 fatti interessanti sul vino Chardonnay
  • Tecniche di vinificazione dello Chardonnay
  • I diversi stili di fermentazione dello Chardonnay
  • Che sapore hanno i vini Chardonnay?
  • Come servire il vino Chardonnay
  • Abbinamenti Gastronomici Con Vino Chardonnay
  • I migliori vini Chardonnay che puoi acquistare nel 2021

Cos'è lo Chardonnay?

Cos

Lo Chardonnay è l'uva dalla buccia verde che viene utilizzata nella produzione di vini bianchi, Champagne e spumanti (Blanc de Blancs).


Mentre altri vini bianchi prendono il nome dalla regione in cui viene coltivata l'uva, i vini Chardonnay prendono il nome dall'uva usata per produrlo.

Essendo altamente adattabile, l'uva Chardonnay ottiene il suo sapore dal terroir e dal rovere utilizzato durante il processo di viticoltura e vinificazione. Ciò consente ai produttori di vino di sperimentare e lasciare il proprio stile unico su ogni bottiglia di vino Chardonnay che producono.


Una breve storia dello Chardonnay

Una breve storia dello Chardonnay

L'uva Chardonnay è originaria della regione vinicola della Borgogna, nella Francia orientale.

La sua popolarità ha raggiunto il picco negli anni '80. Oggi lo Chardonnay viene coltivato e prodotto in tutto il mondo, dalla Napa Valley alla Nuova Zelanda.

I vini Chardonnay hanno nomi diversi in diverse parti del mondo. Per esempio: Chablis , Pouilly-Fuissé, Montrachet e Meursault sono vini Chardonnay prodotti in determinate regioni.

Ulteriore lettura:


Per saperne di più sulle regioni vinicole della Francia e su alcuni dei migliori vini prodotti lì, dai un'occhiata a questi articoli:

Le migliori regioni vinicole francesi

I migliori vini francesi da acquistare nel 2021


Ricerca recente fatto presso l'Università della California, Davis suggerisce che lo Chardonnay deve aver avuto origine da un abbinamento di Pinot Nero , Pinot Bianco e Gouais Blanc.

Come è avvenuto questo incrocio?

Ciò potrebbe essere accaduto secoli fa, quando i romani piantarono uva Gouais Blanc sul suolo francese, dove veniva piantato anche il Pinot Nero.

Ecco molti altri fatti interessanti sullo Chardonnay.

7 fatti interessanti sul vino Chardonnay

7 fatti interessanti sul vino Chardonnay
  1. Lo Chardonnay può crescere quasi ovunque

Con 210.000 ettari piantati in tutto il mondo, il versatile Chardonnay prospera anche nelle regioni vinicole del Vecchio e del Nuovo Mondo.

(Cosa sono il Vecchio e il Nuovo Mondo?

Il vecchio mondo si riferisce alle tradizionali regioni vinicole europee. Il nuovo mondo si riferisce al Americhe e altre regioni vinicole. Inoltre, il Vecchio Mondo utilizza tecniche di vinificazione più tradizionali, inclusi metodi per fermentare il loro vino, e il Nuovo Mondo è stato più veloce nel provare nuove tecnologie.)

  1. I numeri di produzione dello Chardonnay superano il Pinot Nero in Borgogna

Quando pensiamo a un bene Vino di Borgogna , molto probabilmente penseremo vini rossi Pinot nero .È perché la parola Borgogna ci fa pensare alla tonalità del vino rosso?

Ma quando si tratta di numeri, lo Chardonnay rappresenta il 60% della produzione di vino della Borgogna.

  1. Lo Chardonnay è un best seller negli Stati Uniti

Lo Chardonnay è il vino bianco più venduto in America, con quasi 900.000 bottiglie consumate all'anno.

  1. Gli Champagne Blanc De Blancs sono Chardonnay al 100%

Maggior parte champagne popolari sono una miscela di Pinot nero, Chardonnay e Menunier. Gli Champagne Blanc de Blancs sono tipicamente composti interamente da uve da vino bianco, solitamente Chardonnay.

  1. Il preferito di una regina!

Intorno all'800 d.C., Luitgard, moglie diFranconiaL'imperatore Carlo Magno, odiava il modo in cui il vino rosso macchiava la barba del marito. Ha quindi ordinato che le uve bianche (Chardonnay) fossero piantate nel proprio vigneto. Questa zona, Corton-Charlemagne, è ora nota per alcuni dei migliori Borgogna bianchi.

  1. Uno Chardonnay pluripremiato

L'annata 1969 Chateau Montelena Chardonnay è stata inclusa tra i contendenti forti durante la famosa degustazione 'Judgment of Paris' nel 1976. Questo ha posto la California sulla mappa internazionale dei grandi vini bianchi.

  1. Conosciuto come il 'vino rosso' dei bianchi

Lo Chardonnay è conosciuto come il vino rosso dei bianchi a causa di due fasi uniche nella sua vinificazione: la fermentazione in botte e la fermentazione dell'acido malolattico. (Leggi di più su questo nelTecniche di vinificazione dello Chardonnaysezione di seguito.)

Chardonnay: tecniche di viticoltura e vinificazione

Diamo un'occhiata a come viene prodotto questo vino popolare.



La viticoltura delle uve Chardonnay

La viticoltura delle uve Chardonnay

Le uve Chardonnay sono abbastanza malleabili da assumere le influenze del terroir e dei processi di vinificazione, rendendola ancora più entusiasmante da coltivare.

A causa della sua vigorosa vite e della notevole copertura fogliare, i grappoli di uva Chardonnay lottano per ottenere l'energia e le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per crescere con successo.

La gestione della chioma e la potatura aggressiva sono modi comuni con cui i gestori del vigneto contrastano questa sfida. Piantano densamente i vitigni di Chardonnay per farli competere per l'energia.

Quando si tratta di raccolta, il tempo è un fattore cruciale. Se impieghi troppo tempo per raccogliere le uve, inizieranno a perdere rapidamente la loro acidità una volta maturate.

Lo Chardonnay è un vitigno a germogliamento precoce, il che lo rende perfetto per la coltivazione in regioni con stagioni di crescita brevi. Ad esempio, in Borgogna, può essere raccolto prima che arrivi la pioggia autunnale e si eviti il ​​rischio di marciume.

Qual è la differenza tra lo Chardonnay e il Pinot Bianco?

Ci sono molte somiglianze quando si parla di Chardonnay e Pinot Bianco. Entrambi possono produrre un vino bianco morbido e semi-secco e le loro uve sono quasi identiche.

Allora cos'è che li rende così diversi?

Ecco le sottili differenze tra Chardonnay e Pinot Bianco:

  • Colore dell'uva: le uve Chardonnay assumono un colore più verde dorato con la maturazione. D'altro canto, pinot bianco l'uva rimane un'ombra verde erbosa.
  • Sulla vite: i grappoli di uve Chardonnay sono di forma cilindrica o conica. Le uve di Pinot Bianco crescono in piccoli grappoli circondati da foglie verde scuro.
  • Influenza del rovere: uno dei metodi che possono essere utilizzati per maturare lo Chardonnay include l'aggiunta di un'influenza del rovere. Il Pinot bianco ha il potenziale per questo, ma non è un'opzione popolare.
  • Spumante vs Champagne: il Pinot bianco ha un profilo dolce, croccante e leggero, che lo rende una scelta favorevole per i vini spumanti e da dessert. L'uva Chardonnay è la scelta numero uno per la produzione di Champagne.
  • Invecchiamento: il vino Chardonnay ha una grande longevità. La maggior parte degli Chardonnay di solito invecchia bene per 5-7 anni (ma ad alcuni Grand Cru bianchi Burgundies piace Montrachet può invecchiare per più di un decennio.)

Una cosa da ricordare è che uno Chardonnay più vecchio non avrà lo stesso sapore del loro sé più giovane. I sapori di frutta fresca svaniranno e verranno in primo piano sapori più speziati e di noci.



Tecniche di vinificazione dello Chardonnay

Tecniche di vinificazione dello Chardonnay

Lo Chardonnay è di natura diversa e consente all'enologo di mescolare, abbinare e sperimentare diversi stili di vinificazione. Ma è il grado di rovere utilizzato e la fermentazione malolattica che incide sul risultato finale.

La 'burrosità' dello Chardonnay arriva quando il processo di fermentazione malolattica converte l'acido malico in un acido lattico più morbido. È interessante notare che Chardonnay e Viognier sono i pochi vini bianchi che subiscono la fermentazione malolattica proprio come tutti i vini rossi. Durante o dopo la fermentazione, è possibile introdurre il rovere per conferirgli un profilo gustativo più dolce.

La temperatura di fermentazione e il tempo di affinamento del vino sui lieviti sono gli altri fattori che ne influenzano il gusto.

Ad esempio, una fermentazione più fredda produce sapori più fruttati come l'ananas. Alcuni vignaioli addirittura amplificano il contatto con le fecce mentre “rimescolano” il vino durante l'invecchiamento (Bâttonage).

Ora che siamo ben introdotti all'uva Chardonnay e al vino che produce, diamo un'occhiata a come i diversi stili mettono in risalto i diversi profili.



Qual è la differenza tra Oaked Chardonnay e Unoaked Chardonnay?

Vino Chardonnay: qual è la differenza tra Oaked Chardonnay e Unoaked Chardonnay?

Il vino Chardonnay può essere suddiviso in due diversi stili: Oaked e Unoaked. Uno viene invecchiato utilizzando una botte di rovere e l'altro, in una botte di acciaio inossidabile.

Quando lo Chardonnay viene invecchiato in una botte di rovere, il vino è esposto a più ossigeno. Questo influenza anche il gusto del vino Chardonnay. (Te ne parleremo tra poco.)

Che sapore hanno i vini Chardonnay?

Vino Chardonnay: che sapore hanno i vini Chardonnay?

Poiché l'uva Chardonnay è influenzata dal terroir e dalle tecniche di vinificazione utilizzate, è difficile individuare le caratteristiche gustative.

Per comprendere appieno i diversi gusti e sapori dobbiamo prendere in considerazione il processo di fermentazione e il clima.



Climi diversi e come influenzano il gusto dei vini Chardonnay

Poiché lo Chardonnay è coltivato con successo in tutto il mondo, espone l'uva a diversi climi, influenzandone il sapore.

A. Clima più fresco:

Coltivare lo Chardonnay in un clima fresco produce un vino bianco più leggero ed elegante. Tipicamente ha un sapore di agrumi e un più alto livello di acidità. I suoi sapori fruttati ti ricorderanno le mele verdi, le pere e le prugne.

Regioni più fredde: Borgogna, Champagne, Germania, Austria, Nord Italia, Ontario, Sonoma Coast, Anderson Valley, Willamette Valley, Tasmania, Argentina, Mornington Peninsula, Nuova Zelanda, Sonoma County, Cile e Leyda Valley.

B. Clima più caldo:

Quando lo Chardonnay viene coltivato in un clima caldo, il vino avrà ancora sapori fruttati. Sarai anche accolto con amichevoli sapori di frutta tropicale come kiwi e mango.

Regioni più calde: Spagna, Italia meridionale, California (Contea di Napa), Australia meridionale e Sudafrica.



In che modo il processo di fermentazione influenza i sapori dello Chardonnay?

In che modo il processo di fermentazione influenza i sapori dello Chardonnay?

Sappiamo che il processo di fermentazione influisce sul gusto dello Chardonnay.Ma quali sapori puoi aspettarti da uno Chardonnay cotto e non cotto?

Chardonnay Oaked: Lo stile più complesso dei due, lo Chardonnay di rovere è considerato un vino bianco più dolce. Oaked Chardonnay ha un corpo pieno, una consistenza ricca e aromi di vaniglia e caramello. Soddisfa i tuoi sensi con un gusto cremoso e burroso, con ricordi di nocciola, miele e caramello.

Chardonnay non cotto: Se stai cercando un vino bianco secco, fresco e rinfrescante, lo Chardonnay non cotto è la tua migliore opzione. Lo Chardonnay non cotto viene fermentato utilizzando botti di acciaio inossidabile, che gli conferiscono un gusto più croccante.

A differenza dello Chardonnay oaked, lo Chardonnay non cotto o “nudo” ha un corpo più chiaro e un colore più luminoso. Rimarrai ipnotizzato dal bouquet di mele verdi, lime e pesche associati a diversi Chardonnay non cotti.

Come servire il vino Chardonnay

Come servire il vino Chardonnay


La temperatura perfetta per lo Chardonnay

Per esaltare l'aroma e il sapore del tuo vino Chardonnay, lascia raffreddare il tuo Chardonnay per almeno un'ora prima di servirlo:

  • Chardonnay non cotto: raffreddare a 10 ° C
  • Oaked Chardonnay: freddo a 55 ° F (12,7 ° C)


Se ti è rimasto dello Chardonnay, tienilo tappato e in frigorifero per 2-4 giorni dopo l'apertura.



Bicchieri da usare per servire lo Chardonnay

Di solito quando le persone bevono un bicchiere di Chardonnay, usano un normale bicchiere di vino bianco. Ma tutto ciò che fa è accentuare la quercia.

Per gustare davvero un bicchiere di Chardonnay, è necessario esaltare tutti i sapori del vino.

Quindi, usa un file bicchiere di vino che ha:

  • Una ciotola più grande che consentirà agli strati e agli aromi più pesanti di fuoriuscire, e
  • Un bordo largo per guidare il vino da una parte all'altra del palato.

Ti chiedi con quali cibi dovresti abbinare il vino Chardonnay?

Raccomandato