Articolo

Scopri i vini vegani e biologici: qual è la differenza e cosa cercare

È solo naturale

Le persone che perseguono stili di vita sani spesso si rivolgono a cibi biologici e naturali per evitare sostanze chimiche e additivi che semplicemente non sembrano salutari da ingerire. E anche le cantine stanno iniziando a soddisfare questa domanda, offrendo vini biologici, sostenibili, biodinamici e persino vegani ad ogni fascia di prezzo.

Tuttavia, una maggiore disponibilità non significa che non ti confonderai quando cerchi un'annata più naturale. Le aziende vinicole possono appuntare molti modificatori sulle loro pratiche e selezioni agricole e alcuni termini sono definiti più rigorosamente di altri. Analizziamo alcuni dei termini che potresti presto vedere sulle etichette.

Organico

I vini biologici sono prodotti senza diserbanti, pesticidi, fertilizzanti e semi geneticamente modificati. I prodotti organici in genere evitano anche l'uso di zolfo aggiunto nell'imbottigliamento, il che significa che coloro che sono allergici al conservante quasi onnipresente possono bere molte selezioni con un rischio ridotto di ottenere una carnagione macchiata o una reazione più grave.

Sostenibile

L'agricoltura sostenibile fa un ulteriore passo avanti per indicare che le pratiche dell'azienda vinicola riducono al minimo l'impatto ambientale utilizzando metodi biologici preservando energia, acqua e altre risorse. Oltre sostenibile è 'biodinamico', il che significa che i coltivatori utilizzano metodi naturali per controllare i parassiti, mantenere la salute del suolo e proteggere l'ecosistema.

Cosa lo rende vegano?

Molti vini biologici, sostenibili e biodinamici non possono essere considerati vegani. Le cantine utilizzano da tempo proteine ​​animali (naturali e biologiche) come colla di pesce, albumina, caseina, gelatina e chitina per rimuovere impurità e sedimenti dai vini. Le cantine vegane utilizzano invece carbone, farina fossile, bentonite e argille caolino come agenti “chiarificanti”, oppure producono vini non filtrati e non raffinati (“grezzi”).

Biologico certificato

Il sigillo 'Certified Organic' dell'USDA è il miglior indicatore che un vino è biologico. Per qualificarsi, i vini devono essere composti al 100% da ingredienti biologici ed essere lavorati solo con aiuti organici e senza solfiti aggiunti. La certificazione California Certified Organic Farmers (CCOF) è parallela a quella dell'USDA e i coltivatori certificati possono utilizzare entrambi i sigilli.

I vini possono anche portare il sigillo USDA e la parola 'biologico' se includono il 95% di ingredienti biologici e raggiungono livelli di solfiti naturali inferiori a 100 ppm, solo una frazione di ciò che un vino convenzionale potrebbe contenere. Attenzione: i vini etichettati 'Made with Organic Grapes' e nessun sigillo possono contenere solo il 70% di prodotti biologici e solfiti aggiunti.

I viticoltori certificati affermano che i processi biologici, sostenibili e biodinamici forniscono sapori più puri, rivelando meglio la vera natura dell'uva, del raccolto e del terroir. Uno svantaggio? Poiché non contengono zolfo aggiunto come conservante, alcuni vini biologici potrebbero non essere ben conservati. E i vini vegani non filtrati / non filtrati, anche i rossi, si conservano al meglio in posizione verticale in frigorifero.

Il numero di vigneti biologici e vegani sta crescendo rapidamente. Qui ci sono solo alcuni in tutto il paese che producono annate superiori.

California

Azienda vinicola della famiglia Benziger è stato il primo vigneto di Sonoma certificato come biodinamico e Tribute, il suo robusto blend di Cabernet, è stato il primo vino biodinamico certificato della zona. Benzinger offre anche Joaquin's Inferno, una miscela corposa e fruttata di Zinfandel, Petite Sirah e Grenache che prende il nome dal capo coltivatore del vigneto.

Vigneti Frey nella contea di Mendocino è un leader di lunga data nell'agricoltura biologica e biodinamica, ed è nota per la creazione di vini vegani e senza glutine senza solfiti aggiunti. Frey ha più di 20 miscele biologiche e biodinamiche, tra cui un speziato Sangiovese biologico e un morbido Petite Sirah.

Vigneti Girasole è certificato CCOF ed evita tutti i pesticidi convenzionali, erbicidi, fertilizzanti sintetici, acque reflue, bioingegneria e radiazioni ionizzanti in vini come il suo Pinot Nero 2014 vincitore di medaglia. Il produttore biodinamico pianta trifoglio, pisello e veccia tra le viti, poi li trasforma per nutrire il terreno dei suoi vigneti di Mendocino.

Vigneti di Quivira sono certificati biologici al 100% e piantati e raccolti in sintonia con i cicli naturali della terra. Il vignaiolo è noto per il suo Zinfandel biodinamico Dry Creek Valley - un rosso Sonoma per eccellenza e pungente con aromi di amarena - e un rosato fruttato e rinfrescante in stile Rodano.

nordovest del Pacifico


Amity Vineyards è stata fondata nel 1974 dall'enologo Myron Redford, che afferma di essere il primo in Oregon a produrre un Pinot Nero di prima qualità coltivato biologicamente e senza solfiti. Badger Mountain Vineyard's Le miscele organiche USDA presentano un 'inebriante equilibrio di frutta, fiori, spezie e terra' senza solfiti aggiunti. E il vignaiolo di Portland Jasper Sisco produce Gratus Bynum, una miscela semi-fumosa di Riesling, Pinot Grigio e Moscato, da uve biologiche coltivate sulle rive del fiume Columbia.

Altre aree

La Croce di Comal i vini 'praticamente si fanno da soli', dice il viticoltore del Texas Hill Country. L'uva viene raccolta a mano e le bottiglie a mano senza aggiunta di nulla, nemmeno il lievito. La cantina crea annate che riflettono il terroir tra cui Pétard Blanc (petardo bianco) e il saporito Troubadour. La maggior parte non viene filtrata o multata.

Al Weed, vignaiolo presso Vigneti di Mountain Cove nella contea di Nelson, in Virginia, afferma che 'la migliore vinificazione utilizza il minor numero di input possibile'. La più antica azienda vinicola della Virginia aggiunge solo una piccola quantità di lievito per stimolare la fermentazione, ma nessun bianco d'uovo o sottoprodotti di origine animale, quindi i vegani possono assorbire lo Chardonnay con la coscienza pulita.

Parola finale

Cerca il sigillo circolare USDA Organic o CCOF quando cerchi di acquistare vini biologici; altre organizzazioni come Demeter verificano e certificano le pratiche ambientali dei produttori. Tuttavia, non esiste alcun sigillo o certificazione ufficiale che dimostri l'amicizia vegana, quindi chiedi al tuo cellista consigli vegani, 'non filtrati e non definiti' o 'crudi'. Informarsi in anticipo quando si cerca una degustazione in loco. Molte cantine biologiche producono su scala molto limitata, rendendo i loro vini non solo scelte gustose e genuini, ma vere scoperte. Alla tua salute!


Raccomandato