Articolo

Conosci queste 4 regioni vinicole greche

Nell'antichità, i greci erano importanti produttori di vino e rimangono una parte importante della storia del vino. Nonostante la sua eredità, la Grecia è un po 'un mistero per molti bevitori di vino, che potrebbero essere limitati dalla loro conoscenza della regione, dei vitigni o semplicemente dalla pronuncia: xinomavro? Comprendiamo. Tuttavia, una visita in Grecia, gustando una magnifica bottiglia con vista sull'Acropoli o sorseggiando vino versato da una caraffa in una taverna sul mare, e probabilmente ti innamorerai dei suoi vini. Ma nel caso in cui non sia ancora possibile prenotare un viaggio, stiamo semplificando la comprensione dei vini di questo paese storico.

Dov'è il mio vino?

La Grecia ha un clima e un terreno mediterranei variegati. I vigneti crescono su terreni pianeggianti, su isole vulcaniche terrazzate e su pendii montuosi, producendo vino bianco (70% della produzione totale), rosso e dolce. I prezzi per le esportazioni di vino greco sono aumentati man mano che diventano più conosciuti, ma su 700 aziende vinicole in Grecia solo poche possono produrre abbastanza per esportare, quindi molti ottimi vini di piccoli produttori non vengono scoperti al di fuori della Grecia.

Denominazione di Origine Protetta

Uva Assyrtiko, per gentile concessione di Nacho Dominguez Argenta / Unsplash

In Grecia solo 29 regioni vinicole sono designate DOP o Denominazione di Origine Protetta. Il vino con questa denominazione deve essere uno dei 300 vitigni greci, autoctoni e storicamente coltivati ​​e prodotti entro i confini della regione. La coltivazione è regolamentata e molti vini devono essere al 100% di un'uva specifica, o percentuali minime di quelle uve in un blend, ma tutte le uve devono provenire dalla DOP.

Il rosso con le gambe lunghe della Grecia settentrionale



Regione: Naoussa

Vitigno principale: Xinomavro

Il clima fresco di Naoussa DOP si trova negli altopiani del Monte Vermion nella Macedonia occidentale. Dopo l'epidemia di fillossera degli anni '30 l'area fu ampiamente ripiantata con l'uva resistente xinomavro, pronunciata K-see-NOH-mah-vro. Quest'uva matura e ad alta densità è di colore quasi rosso-nero, producendo vino che ha tannini potenti e alta acidità. Spesso rispetto al pinot nero, o nebbiolo, è invecchiato in rovere francese per 12+ mesi e ha note di spezie, cuoio, ciliegia rossa e pomodori secchi.

Vino da provare: Boutari , Gran Riserva Xinomavro, Naoussa

Grecia occidentale, orientale e centrale: Bionde baciate dal sole e Three’s Company



Regioni: Tessaglia, Epiro e Attica

Uve principali: Rhoditis, Savatiano, Xinomavro, Stavroto e Krassato

Uva Rhoditis, per gentile concessione di Samuel Zeller / Unsplash

Al centro della Grecia continentale ci sono le aree vinicole della Tessaglia, dell'Epiro e dell'Attica, che rappresentano il 34% dei vigneti e il 30% degli impianti di vinificazione di tutta la Grecia. Le uve bianche predominanti qui coltivate sono la rodite, un'uva dalla buccia rosa che mantiene la sua acidità nei climi caldi, e il savatiano, resistente alla siccità con bassa acidità e perfetto per l'assemblaggio. Nella zona collinare Anchialos DOP della zona della Tessaglia queste due uve vengono miscelate insieme per vini giovani che sono asciutti, leggeri, poco alcolici e ben equilibrati, con aromi di erba e agrumi.



Retsina

Una visita alle isole greche non sarebbe completa senza un assaggio di retsina, un vino a base di rodite e savatiano infuso con resina di pino. Con la sua designazione di denominazione tradizionale (TA), assume sapori di mela matura, pesca o pera, con una consistenza leggermente oleosa e un finale persistente di pino.


Vino da provare: Domaine Evinos Retsina



Rapsani DOP

La DOP di Rapsani, nei vigneti di montagna vicino al Monte. Olympus, sono di proprietà di 12 monasteri e affittati a un'azienda vinicola. Tre vitigni a bacca rossa, in parti uguali, devono far parte della co-vinificazione per essere designati Rapasani DOP: xinomavro, stavroto e krassato. Il vino è maturato in botte, aromatico e strutturato, con tannini rotondi, frutta nera, pepe, origano e un finale leggermente dolce.


Vino da provare: Tsantali , Riserva Rapsani, Rapsani

A sud del Peloponneso: Elegant Companion e Sweet Young Thing



Regioni: Nemea e Mantinia

Uve principali: Agiorgitiko e Moschofilero

Uva Agiorgitiko, per gentile concessione di Nacho Dominguez Argenta / Unsplash

Nemea, la più importante zona vinicola del Peloponneso, è sinonimo dell'uva rossa agiorgitiko (ah-yor-Yee-te-ko). Coltivato dal livello del mare alla montagna, le altitudini più elevate producono una maggiore acidità, vino superiore, ma può essere designato Nemea DOP solo se è 100% agiorgitiko. I rossi secchi Nemea DOP maturati in botti di rovere sono vini di altissima qualità. Aspettatevi un vino di medio corpo di colore rosso intenso, con aromi di frutta rossa equilibrati, spezie dolci, fico e cacao, acidità media e tannini morbidi. È noto per sviluppare aromi complessi quando viene conservato in cantina.

Vino da provare: Bizios Estate , Agiorgitiko, Nemea



Mantinia DOP e Moschofilero

Il Moschofilero (mos-coh-FEE-ler-oh), un'uva dalla buccia rosa che cresce negli altipiani della regione del Peloponneso di Mantinia DOP, produce un vino bianco secco, audace e fresco. Può avere intense note floreali di fiori d'arancio e rosa fino a spezie esotiche come l'incenso. Vale la pena cercare questi vini spesso trascurati, ma è meglio consumarli entro il primo anno dal rilascio.


Vino da provare: Tselepos , Moschofilero, Mantinia

Santorini: raffinata valigetta e bellezza di una certa epoca



Regione: Santorini

Vitigno principale: Assyrtiko

Viti potate a canestro, per gentile concessione di Hatzidakis Wines

Santorini DOP, nelle Isole Cicladi, ha terreni vulcanici di ardesia, pomice, cenere e lava, su gesso e calcare. Le viti qui vengono potate a forma di cesto sul terreno chiamato kouloura, che protegge l'uva dal sole e dai venti forti. Raffreddata dalla brezza marina, l'uva cresce praticamente senza acqua, producendo basse rese e uve saporite.

L'uva autoctona Assyrtiko (ah-seer-TEE-ko) ha il potenziale per essere un vino bianco spettacolare, con un'acidità audace, aromi di agrumi luminosi e una mineralità d'acciaio. Non sorprende che questo sia uno dei migliori vini della Grecia. Questo bianco secco è talvolta prodotto con il 100% di Assyrtiko (75% è richiesto), con l'aggiunta di uve Adiani White e Anthiri. Quel minimo si applica anche al nykteri (il nome significa 'lavorare tutta la notte'), che tradizionalmente veniva raccolto di notte per mantenere più stabili gli zuccheri dell'uva matura. Invecchiato in botte per almeno tre mesi, il nykteri ha un alto grado alcolico (13,5% ABV), ed è un colore oro intenso con un naso di gelsomino e pera.

Vino da provare: Tenuta Sigalas , Assyrtiko, Santorini



Vin Santo

Le uve di Vinsanto Santorini DOP vengono essiccate al sole per aumentare la concentrazione di zucchero per questo vino dolce da dessert. Almeno il 51% di assyrtiko, e aidani bianco, con piccole aggiunte di altre uve consentite, il vinsanto deve essere invecchiato in botte per 24 mesi. Se invecchiato ulteriormente, il successivo invecchiamento sarebbe di quattro anni, poi otto e così via in multipli di quattro. Rigoglioso e profumato, questo vino dorato al miele è perfetto come conclusione della tua storia d'amore con il vino greco ... o dopo cena.

Vino da provare: Vini Santo Vin Santo

Un po 'di storia

Antico tempio in Grecia, per gentile concessione di Cristina Gottardi / Unsplash

Gli antichi greci coltivavano uva selvatica e producevano vino, e furono tra i primi a farlo. Omero menziona il vino dolce nell'Odissea, Ippocrate lo raccomandava per la salute e le terapie medicinali dell'epoca includevano il vino. La mitologia greca antica include Dioniso il dio del vino, ma le prove archeologiche del vino risalgono ufficialmente al 4500 a.C. nella Macedonia greca. Il vino veniva sacrificato agli dei, era una parte essenziale delle discussioni politiche chiamate simposio e veniva venduto o scambiato in anfore di argilla all'Agorà. In poche parole, il vino era una parte importante della vita greca.

Nel XV secolo, l'Impero Ottomano colonizzò la Grecia, quindi i vigneti furono abbandonati per evitare le tasse. Nel 1827, la Grecia subì una repubblica fallita, una monarchia straniera e l'occupazione della seconda guerra mondiale da parte di Italia e Germania. Con una storia di sconvolgimenti, è straordinario che la cultura del vino greca sia sopravvissuta. Nel 1937 fu fondato l'Istituto della Vite di Atene per ricostruire la fondazione vinicola dell'industria vinicola greca e da allora le cantine hanno continuato a crescere e ad avere successo.

Sebbene comprendere il vino greco e il suo passato leggendario significhi studiarlo in modo approfondito o prenotare un biglietto aereo per visitarlo di persona, c'è molto da amare in questa regione vinicola diversificata che vale la pena esplorare, a cominciare da un bicchiere di vino greco gustato comodamente dal tuo la propria casa.


- 10 resort di lusso nella regione vinicola da cui fuggire questo inverno -

- 10 fatti da conoscere sul vino brasiliano -


Raccomandato