Articolo

Cosa sono i tannini?

Se hai mai bevuto un sorso di vino e hai subito sentito secchezza al centro della lingua, allora hai avuto dei tannini. Un polifenolo derivato naturalmente da legno, corteccia, bucce di frutta, semi, foglie e piante, i tannini creano consistenza nel vino sotto forma di secchezza e amarezza. I tannini possono essere trovati anche nel cioccolato, nel tè nero, nella birra, nel succo di mela, nei legumi e nella frutta acerba. Il nome stesso tannino è legato al processo di concia della pelle, poiché i tannini di quercia vengono utilizzati per conciare la pelle e successivamente essiccarla. Tuttavia, nel vino è un processo molto più complesso che aggiunge un sapore completamente nuovo e un'esperienza materica per coloro che lo bevono.

Perché ci sono tannini nel vino?

Ci sono una serie di ragioni e tre modi in cui i tannini entrano nel vino che beviamo: attraverso le bucce, i semi e gli steli dell'uva con cui vengono fermentati, le botti di rovere in cui vengono fatti invecchiare alcuni vini e attraverso polveri di tannini che vengono aggiunte manualmente per ottenere un sapore desiderato.

Per i vini rossi, è importante lasciar macerare o fermentare il vino con le bucce, i semi e i gambi dell'uva intatti. È questo processo che è responsabile dell'approfondimento del colore, dell'aroma e del sapore dei vini rossi. Per ottenere questo risultato, il processo di macerazione nei vini rossi è molto più lungo dei vini bianchi, rendendo i vini rossi molto più ricchi di tannini rispetto ai bianchi.

Sebbene i vini bianchi macerino per un tempo molto più breve dei rossi, possono essere invecchiati in botti di rovere, che contengono tannini nel legno. Questa è una forma di assorbimento del tannino basata sul contatto, il che significa che nel tempo, con l'invecchiamento del vino, i tannini filtrano dal legno e nel vino, migliorando la profondità del sapore e creando un vino corposo ed equilibrato. Gli Chardonnay sono un esempio di vino bianco invecchiato in botte di rovere che contiene tannini per creare un sapore più secco e complesso. Alcuni vini rossi possono anche implementare l'uso di botti di rovere per l'invecchiamento per bilanciare e approfondire ancora di più il sapore tannico.

Questo equilibrio di sapore è qualcosa che i produttori di vino cercano ed è anche un motivo per cui i tannini sono presenti nel vino. Colpendo un sottile equilibrio tra i tannini dell'uva e del legno, i tannini si scompongono nel tempo e aiutano a 'arrotondare' il sapore del vino, creando una sensazione più liscia sulla lingua. I tannini agiscono anche come conservanti naturali e aiutano il vino a mantenere la sua integrità con l'invecchiamento. Sebbene non tutti i vini abbiano bisogno di tannini per invecchiare, i vini rossi e bianchi che hanno un buon equilibrio di tannini emanano un sapore più morbido ogni anno che passa.

Alcuni vini rossi ad alto contenuto di tannini includono:
  • Nebbiolo
  • Cabernet Sauvignon
  • Tempranillo
  • Montepulciano
  • Piccolo Verdot
  • Petite Sirah
  • Bordeaux
  • Barolo
  • Borgogna
  • Malbec
I vini rossi a basso contenuto di tannini includono:
  • Barbera
  • Zinfandel
  • Pinot Nero
  • Primitivo
  • Grenache
  • Merlot


Quali sono i benefici dei tannini?

cosa-sono-i-tannini-680
I tannini sono stati pubblicizzati per le loro proprietà antimicrobiche, antivirali e antiossidanti. Se consumati in alimenti come fagioli e cioccolato, possono essere utili. Tuttavia, il consumo di tannini nel vino non produce lo stesso effetto. Poiché i tannini possono rimanere intrappolati nelle proteine ​​salivari mentre bevono vino, i loro benefici per la salute non sono così impattanti come se consumati in altri alimenti.

Quali sono gli svantaggi del consumo di tannini?

La giuria è ancora in discussione sul fatto che l'ingestione di tannini possa causare emicranie, ma alcune persone segnalano forti mal di testa dopo aver consumato tannini. Se noti uno schema di mal di testa quando mangi cibi e vini ricchi di tannini, una dieta priva di tannini potrebbe essere una scelta intelligente per te.

Come degustare per i tannini

Sebbene i tannini non abbiano alcun sapore o odore, possono essere gustati sotto forma di amarezza sulla lingua e sulla parte superiore della bocca. È a causa di questa amarezza che i tannini possono essere difficili da decifrare dall'acidità del vino. Mentre entrambi hanno un sapore astringente, l'acido ti farà venire l'acquolina in bocca mentre i tannini lo faranno sentire asciutto. La prossima volta che assaggerai vino con gli amici, sorprendili con le tue conoscenze in erba da sommelier distinguendo tra i due.

Quali cibi si abbinano bene a vini fortemente tannici?

Gli alimenti ad alto contenuto di grassi e ricchi di sapore come manzo, anatra, avocado e formaggio sono un complemento perfetto per vini altamente tannici o corposi. È la miscelazione e l'abbinamento di secchezza e consistenza burrosa che crea un'esperienza complessa per il tuo palato. Mentre il vino elimina la grassezza e la morbidezza dei cibi più ricchi, il cibo ricco e grasso attenua contemporaneamente la secchezza del vino.

Raccomandato