Articolo

Vini invernali

Goditi il ​​robusto Barolo Nebbiolo italiano e il delizioso vino ghiacciato canadese abbinati ai tuoi sostanziosi pasti invernali.

di Courtney Cochran

Ci sono cose meravigliose del periodo invernale. Neve, cibo confortevole e fuochi scoppiettanti sono solo alcuni di questi. Ma una delle cose migliori del clima mite e dei mesi invernali è l'opportunità che si offrono per cambiare la tua routine del vino.

Temperature più fredde e piatti più sostanziosi sono motivi importanti per guardare a nuovi vini in questo periodo dell'anno. Ma un'altra ragione, con ogni probabilità meno ovvia, è abbastanza semplice: lo stato d'animo. L'arrivo dell'inverno segnala un cambiamento nelle nostre routine e attività.

È un cambiamento tanto emotivo quanto climatico. Ci vestiamo in modo diverso, mangiamo in modo diverso e, di conseguenza, tanto vale bere in modo diverso!

Guarda i seguenti vini speciali ideali per l'inverno per catturare lo spirito e l'umore dei mesi più freddi nel tuo bicchiere.

Barolo

Spesso definito 'il vino dei re', questo rosso sostanzioso del Piemonte nord-occidentale italiano è noto per essere allo stesso tempo energico e delicato. Il suo potere deriva dal notevole tannino che si trova nell'uva Nebbiolo, da cui è prodotto. In effetti, il Barolo è noto per essere tra i vini rossi più tannici della sua giovinezza.

Questa stessa qualità gli consente di invecchiare magnificamente fino a 20 anni o più nella tua cantina. Ma non devi aspettare così tanto per goderti questa bellezza: molti Barolo sono avvicinabili dopo appena 6 anni circa. In questo senso, le annate possono variare in modo significativo e avere un grande impatto su quando un Barolo sarà accessibile, quindi consulta il tuo commerciante di vini per ulteriori informazioni sulle annate recenti prima dell'acquisto.

La delicata qualità del Barolo deriva dal suo naso inebriante e profumato, che può odorare - apparentemente impossibile - allo stesso tempo di petali di rosa essiccati, erbe, catrame e prugna. Questi aromi, insieme ai suoi sapori ricchi e terrosi, fanno del Barolo un ottimo candidato per la tavola invernale. Può resistere ai piatti più sostanziosi - pensate al ragù, allo sformato e al manzo - ma può anche essere gustato accanto al fuoco con un sigaro dopo una giornata rinvigorente sulle piste.

Vino ghiacciato

Non riesco a pensare a un vino più adatto al consumo invernale del vino ghiacciato dal colore dorato. Prodotto da uve congelate lasciate deliberatamente sulla vite nei freschi mesi invernali (produzione tradizionale di vino ghiacciato) o uve congelate artificialmente (il processo è chiamato crioestrazione), il vino ghiacciato è una miscela super dolce che è a casa se abbinata a un'ampia varietà di dolci e formaggi.

La produzione di vino ghiacciato ha avuto origine in Germania (per loro è 'Eiswein'), dove il clima frizzante è ideale per la sua produzione. Versioni molto buone sono prodotte anche in Canada, nella penisola del Niagara dell'Ontario, nella Okanagan Valley della British Columbia e in alcuni stati degli Stati Uniti settentrionali. Ovunque sia prodotto, il vino ghiacciato odora e sa di miele, albicocca, agrumi e frutti tropicali e può anche mostrare note minerali e di zenzero.

Il vino ghiacciato va servito freddo ed è un ottimo abbinamento con i dolci a base di latticini tra cui crème brûlé, cheese cake e creme. E non c'è corrispondenza migliore del vino ghiacciato quando si tratta di taglieri di formaggi, perché questo storditore è abbastanza versatile da resistere a un'ampia varietà di formaggi. E infine, il vino ghiacciato funziona magnificamente con il foie gras di cibo di lusso e altri piatti salati super ricchi.

Cerca le versioni di Inniskillin Winery in Ontario, Canada.



Raccomandato